SI-MARE

Soluzioni Innovative per Mezzi navali ad Alto Risparmio Energetico

Il progetto di ricerca e sviluppo SI-MARE ha come obiettivo la salvaguardia della risorsa mare attraverso la riduzione delle emissioni di gas climalteranti, riduzione indotta dal risparmio energetico che può essere generato dall’adozione di soluzioni tecnologiche innovative inerenti sia i processi manifatturieri tipici dei cantieri navali sia l’impiego di materiali avanzati. Tali soluzioni possono incrementare le performance in termini di risparmio energetico e, di conseguenza, di impatto ambientale dei mezzi navali sia nelle operazioni di refitting sia nelle nuove costruzioni. Nello specifico, il progetto si articolerà in quattro obiettivi realizzativi principali e l’attenzione verrà focalizzata su due aspetti-chiave: la leggerezza in relazione ai materiali e ai relativi processi di giunzione e le prestazioni superficiali dello scafo in termine di riduzione degli attriti in navigazione.

Nell’ambito del primo obiettivo realizzativo (WP1) verranno studiati e sviluppati i sistemi di giunzione più idonei per il collegamento sia di strutture ibride metallo-composito sia di strutture bimetalliche. Entrambe le tipologie di giunzione sono di interesse aziendale e, in particolare, rispettivamente, di Fincantieri, per applicazioni in mega-yacht e navi da crociere, e di piccoli cantieri, per piccole imbarcazioni in metallo da impiegare per il disinquinamento o il turismo.

Nell’ambito del secondo obiettivo realizzativo (WP2) verranno studiati e sviluppati strutture composite leggere da impiegare sia per la realizzazione di sovrastrutture in applicazioni crocieristiche dove è importante mantenere il baricentro della nave il più in basso possibile sia per la realizzazione di protezioni balistiche leggere di nuova generazione per applicazioni nella cantieristica da diporto e nel trasporto passeggeri. Quest’ultima applicazione è di interesse sia di Fincantieri che di Intermarine.

Nell’ambito del terzo obiettivo realizzativo (WP3) verrà studiato e sviluppato un rivestimento in grado di migliorare le prestazioni degli scafi riducendo l’attrito e l’effetto esfoliante tipico delle vernici anti-vegetative di uso comune. Tale applicazione è di interesse di tutti i cantieri coinvolti all’interno del progetto.

Infine, nell’ambito del quarto obiettivo realizzativo (WP4) verranno sviluppati i dimostratori per le soluzioni tecnologiche individuate nei precedenti OR.


Referente:

Simone Cappello

Ricercatore

Messina

SCOPRI DI PIÙ


Programma: PO FESR Sicilia 2014 – 2020


Sito Web: https://bit.ly/3irPjFg


Durata: Gennaio 1, 2020 - Luglio 1, 2022


Budget: 3.174.620,00 €


Budget IRBIM: 107.706,00 €


Temi di Ricerca:

TEAM

Simone Cappello

Ricercatore

Messina

Lucrezia Genovese

Primo Ricercatore

Messina

Maria Genovese

Ricercatore

Messina

Fabrizio Lanzafame

Funzionario di Amministrazione

Messina

Progetti di Ricerca



Referente:
Massimo Virgili

Utilizzo di griglie di esclusione per la riduzione delle catture accidentali di specie di interesse conservazionistico nella pesca a strascico.

Le attività di ricerca dell’Istituto vengono condotte nell’ambito di progetti di ricerca, sviluppo ed innovazione, sia di carattere nazionale che internazionale, a valere su programmi di finanziamento a regia regionale (POR FEAMPA - Programma Operativo Regionale del Fondo Europeo Affari Marittimi Pesca e Acquacoltura e POR FESR - Programma Operativo Regionale del Fondo Europeo di Sviluppo Regionale) o ministeriale (PRIN – Progetti di rilevante interesse nazionale, PNRA - Programma nazionale di ricerca in Antartide, PO FEAMPA - Programma Operativo Nazionale Fondo Europeo Affari Marittimi Pesca e Acquacoltura), programmi per la Cooperazione Territoriale Europea (Interreg), programmi di finanziamento diretto della Commissione Europea (Horizon2020 ed Horizon Europe, Life, JPI - Joint Programming Initiatives, ERA-NET Cofund) ed iniziative di collaborazione tematica gestite da organizzazioni internazionali quali, ad esempio, la FAO – GFCM (General Fisheries Commission for the Mediterranean). L’Istituto sviluppa anche progetti finanziati nell’ambito di collaborazioni con imprese private nei settori della blue economy nonché del trasferimento tecnologico e dei risultati della ricerca. I progetti di ricerca, prevalentemente di carattere collaborativo, vengono sviluppati attraverso un’ampia rete di partner che includono la maggiori Istituzioni di Ricerca ed Università italiane ed estere.

SCOPRI DI PIÙ
error: Content is protected !!